Lui di Francavilla fontana, un paesino circondato da trulli e ulivi. 

Lei di Manfredonia, paese bagnato dal mare e dalle immense distese di grano. 
Entrambi pugliesi, ma distanti circa 5 ore con qualsiasi mezzo possibile per via di cambi vari e una rete ferroviaria poco servita. 
A questo, già intuitivo e travagliato prologo, aggiungiamoci che lui era stabilmente a Pavia per studio.
La nostra storia è nata così. A 700 km di distanza. Tra chiamate rapide tra una pausa e l'altra delle varie lezioni universitarie e videochiamate interminabili la sera dopo lo studio, rigorosamente su skype che allora era l'unico mezzo di cui si disponeva per vedersi.
'Come vi siete incontrati?!?!' Ci chiedono in molti.  
È stato il caso, il destino, lo si chiami come si vuole, ma quell'incontro è stato il regalo più grande che la vita avesse potuto farmi. Anche se da li in poi sarebbe stata tutta in salita. 
Lei si trasferisce a Parma per gli studi magistrali e ogni weekend corre a Pavia da lui. Dopo qualche mese lui vola in Olanda e quei 5 mesi sono interminabili. Dopo l'olanda è la volta della Svizzera, mentre lei si stabilizza a Piacenza. 
Vicini ma sempre distanti. 
I fine settimana iniziano ad essere fatti di viaggi tra l'Emilia e la Svizzera. 6 ore il venerdì sera per andare e 6 ore la domenica per tornare e tutto per appartenersi negli abbracci di solo un giorno. Un solo giorno per dare la carica emotiva ad un'intera settimana prima di tornare ad essere insieme di nuovo.
E così per 2 anni e mezzo. Instancabili, caparbi, tenaci. Si aggrappavano a quel solo giorno pur di star bene. I weekend erano belli insieme, ma quanto stress muoversi e viaggiare in continuazione. Poi il covid19. Lei bloccata a Piacenza, lui in Svizzera.  Proprio nel bel mezzo della organizzazione del matrimonio....in Puglia!
Tra prove di abiti a Manfredonia e wedding day a Francavilla! 
 
Da quel primo incontro sono passati 9 anni. 9 anni in cui continuiamo a rincorrere il futuro perdendo molto del presente, degli abbracci, dei baci, dei sorrisi e dello star bene insieme che potrebbe regalarci l'adesso. 
 
Proprio per questo il 25 luglio 2020 vada come vada coroneremo il nostro sogno di diventare marito e moglie. 
Vada come vada. 
È sempre stata una lotta contro il tempo, contro treni in ritardo, contro i km che ci separavano. Ne siamo sempre usciti vincitori. Ne verremo fuori vincenti anche contro questa pandemia, contro le mascherine e tutte queste assurde regole da rispettare.....perché l'amore può tutto e il presente non può aspettare, non più!